CLEWI’DIS O.M. DINNER

29 Set

Era un piatto sbeccato sul bordo;
nulla di più e nulla di meno ma lo guardavo e la scheggia mancante sul bordo verde-azzurro mi suonava come un insulto a quella porcellana tanto pregiata e così vi poggiai la mano sopra per non doverla vedere; quella cicatrice, quello sfregio che mi dava sui nervi perché una cosa bella (sciupata) si sa, da fastidio a chiunque.
Il barista era un amico di vecchia data e potevo starmene lì a martoriarmi il cervello anche tutta la sera senza ordinare nemmeno un drink.

Ripensandoci oggi non ero esattamente un cliente. Ero un pezzo di quel locale: come il bancone e il frigorifero ne più ne meno, e sempre tenevo la mano là sopra per non dover vedere lo sfregio, quella cicatrice che mi dava tanto su i nervi.

2019 e un piatto sbeccato mi infastidisce…
che abbia i bordi
verde-azzurro oppure no.

GIANMARCO GROPPELLI

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: